Linea Vita Condominio, l’amministratore é responsabile della sicurezza di chi accede al tetto condominiale.

17 Dicembre 2014

L’entrata in vigore del decreto 81/2008, integrato poi col 106 del 2009 in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ha configurato nuovi importanti scenari assegnando nuove responsabilità agli amministratori immobiliari/condominiali, responsabilità che hanno lo scopo di prevenire la caduta dall’alto  degli operatori quando si trovano ad operare sul tetto dell’edificio condominiale.

Secondo la normativa sopra citata il Committente al pari del Datore di lavoro, si deve attenere ai principi ed alle misure generali di tutela dei lavoratori in quota al fine di  evitare infortuni e salvaguardare vite umane, dando priorità alle misure di protezione collettiva a quelle individuali, là dove ciò non sia possibile è obbligatorio l’uso di dispositivi di protezione individuale.

( capo II del titolo IV si applica sia ai cantieri temporanei o mobili sia ad ogni altra attività lavorativa che preveda lavori in quota ).

 

Chi è Il Committente?

Art 89 Il committente è la figura che commissiona richiede un lavoro, indipendentemente dall’entità o dall’importo. Esso può essere una persona fisica  nel caso di un lavoro privato, una persona giuridica nel caso di un lavoro per un’azienda, un ministero nel caso di un lavoro pubblico, nel caso del condominio è l’amministratore .

In ambito giuridico un committente può essere definito mandante se stipula un contratto detto mandato che vincoli il mandatario, ovvero il ricevente dell’accordo  ad eseguire attività per conto del committente stesso.

 

Come dovrebbe Comportarsi L’amministratore di condominio  in assenza di protezioni per chi accede al tetto del condominio ?

Nei casi in cui non sia possibile attuare misure di protezione collettiva ( parapetti, ponteggio, cestelli elevatori )   per i lavori in quota, è obbligato a garantire la sicurezza dei lavoratori che siano essi autonomi o dipendenti, attraverso l’adozione di misure di protezione individuale, quali, sistemi anticaduta – Linea Vita, qualora non si possano effettuare i lavori in sicurezza proibire l’accesso al tetto dell’edificio a chiunque senza deroghe.

Ecco dunque la necessità per l’amministratore di condominio  di dotare i “propri” edifici con  sistemi anticaduta – linee vita ,  al fine di consentire a chi accede al tetto del condominio  il transito e l’esecuzione di interventi  in sicurezza (antennista, spazzacamino, lattoniere, muratore…), per i quali l’adozione di misure di protezione collettiva  non trova giustificazione.

No sai come fare?

Non preoccuparti!    Linea Vita  #èsicura #èpratica #èeconomica.

 

Stai sereno, La soluzione è Falzoi Linea Vita,  ti seguiamo noi dalla progettazione all’installazione certificata,

come da normativa UNI EN 795-2012.

Falzoi Linea vita  Progettazione Vendita e Assistenza , operiamo  in  Piemonte  Liguria  Lombardia  Emilia Romagna  Sardegna.

Per info e Preventivi Gratuiti  contattaci a   info@falzoiservizi.it    o contatta il   348 405 5932.

 

20140410_093926904_iOS 20140414_141248090_iOS 20141113_152148272_iOS 20141113_133340009_iOS1957821_803772506327744_5004469822312888188_oIMG_3632IMG_3664

 

 

 

  • Newsletter

    Rimani sempre aggiornato sulle normative e sugli obblighi in ambito di anticaduta.

  • Categorie